Quale connubio tra comune e industria?

L’industria va bene in quanto fonte di imposte da incassare, ma bisognerebbe cercare dei punti in comune o opportunità da cogliere. Sebbene le infrastrutture di base siano funzionanti, manca però un’integrazione armonica dell’industria nel tessuto comunale, come per esempio: spazi aperti al pubblico, viali di accesso e percorsi per la mobilità lenta, facilitazione di trasporti pubblici, condivisione di mense e asili nido per famiglie lavoratrici che vorrebbero affidare i figli vicino al posto di lavoro, sale per congressi o convegni, aiuti concreti nella ricerca di alloggi nel comune, sia per personale stabile che temporaneo, ecc. Penso che se si cercasse attivamente una collaborazione con le industrie, con intenti propositivi, si potrebbero realizzare parecchi progetti in comune a favore di tutti.

Beat Kilcher

Aggregazioni e collaborazioni intercomunali

Ho sempre accolto con entusiasmo i progetti aggregativi finora sottoposti al voto popolare. Ritengo si tratti di opportunità da cogliere e non di imposizioni da accettare a priori, nei modi e nei tempi. Ma bisogna anche essere realisti: al momento attuale, un’ulteriore aggregazione non sembra prioritaria. Prendiamoci quindi il tempo per studiare nuovi scenari aggregativi strategici per il nostro Comune. Intanto, prima di guardare oltre i confini comunali, concentriamo gli sforzi per consolidare le fusioni già concretizzate e per allineare i servizi su tutto il territorio. E’ un presupposto irrinunciabile per poter ricoprire anche in futuro un ruolo leader nel Basso Vedeggio. Nel contempo, continueremo ad appoggiare le collaborazioni intercomunali, per offrire servizi a valenza sovracomunale di qualità. In attesa di tempi più maturi.

Paolo Gattigo

Ambiente e traffico

L’ambiente e il traffico sono sempre dei temi molto battuti, specialmente prima delle elezioni. Nelle ultime settimane qualcuno si è addirittura improvvisato esperto di gallerie, proponendo di abbandonare il progetto di circonvallazione (forse non perfetto, ma in fase di finalizzazione) e studiare un impagabile e improbabile tunnel da Manno al Vallone. Noi riteniamo che il progetto attuale vada realizzato subito insieme alla rete tram per Manno e Lugano. A livello regionale, oltre al traffico, lo sviluppo rispettoso dell’aeroporto e la posa di ripari fonici sull’autostrada saranno temi importanti su cui battersi. A livello comunale ci batteremo per introdurre misure alla portata del cittadino, tra cui degli incentivi comunali per gli interventi di risanamento energetico degli edifici, riprendendo il modello di quelli già presenti a livello cantonale.

Francesco Gandolla

La scuola: istituzione unica e preziosa

Per quanto riguarda il dicastero educazione a Bioggio si è conclusa una legislatura in cui il PLR ha promosso diversi importanti cambiamenti a favore degli alunni e di riflesso alle loro famiglie. Si è passati da una direzione dell’istituto scolastico del 50% (metà tempo) al 100% (tempo intero). Inoltre si è organizzata per la prima volta la mensa scolastica per i bambini che frequentano la scuola elementare. Il Municipio ha organizzato un trasporto allievi per i bambini della scuola dell’infanzia provenienti dalle frazioni di Bosco Luganese, Cimo e Gaggio di Bioggio. Non da ultimo con un investimento di CHF 90’000.00 si sono cambiati tutti i giochi del parco della scuola dell’infanzia, ormai obsoleti e non più sicuri. Altri importanti progetti per la prossima legislatura sono già pronti!

Bianchi Daniele